dc shoes Worker 32 Pantaloni Chino da Uomo Blue DC Shoes 2cItnvgkA5

SKU4779711
dc shoes Worker 32 - Pantaloni Chino da Uomo - Blue - DC Shoes 2cItnvgkA5
dc shoes Worker 32 - Pantaloni Chino da Uomo - Blue - DC Shoes
  • Lorem ipsum dolor sit amet conse adipisic
  • Suntin culpa qui officia deserunt mollita
  • Seddo eiusmod tempor incididunt utlaboret
Categorie

Nessun prodotto

Da determinare Spedizione
0,00 € Totale

Pagamento

Prodotto aggiunto al tuo carrello
Quantità:
Totale:
Ci sono 0 articoli nel tuo carrello. Il tuo carrello contiene un oggetto.
Totale prodotti:
Totale spedizione: Da determinare
Totale :
Continua lo shopping Procedi con il checkout

Un punto di riferimento per i cittadini stranieri, un punto di incontro per tutte le culture

Il fenomeno dei minori stranieri non accompagnati presenti sul territorio nazionale è meritevole di essere affrontato attraverso un approccio il più possibile multidisciplinare, considerate le plurime implicazioni istituzionali, sociali, educative e giuridiche che lo caratterizzano. Trattandosi di presa in carico e tutela di soggetti minorenni provenienti da paesi terzi, presenti sul territorio dello stato privi di figure adulte di riferimento, il sistema istituzionale e sociale è chiamato ad intervenire in supporto e garanzia della realizzazione di progettualità individualizzate il più possibile armoniche e coerenti con un approccio relazionale ed una progettazione individualizzata.

Per tutti questi motivi, il Comune di Cremona organizza il corso di formazione “La presa in carico dei minori stranieri non accompagnati – Dalla tutela legale al lavoro integrato di territorio” , che sarà articolato in tre giornate – 3 maggio, 10 maggio e 17 maggio – per una durata totale di 21 ore e si svolgerà presso la Sala Formazione del Civico 81 (via Bonomelli 81, Cremona). Il corso è rivolto a assistenti sociali, educatori professionali, psicologi, mediatori culturali, personale sanitario e socio-sanitario, persone interessate ad assumere il ruolo di tutore volontario, Forze dell’Ordine e Polizia Locale.

Comune di Cremona “La presa in carico dei minori stranieri non accompagnati – Dalla tutela legale al lavoro integrato di territorio” 3 maggio, 10 maggio e 17 maggio 21 ore Sala Formazione Civico 81

Per partecipare al corso è necessario iscriversi gratuitamente CLICCANDO QUI . Il numero massimo di partecipanti a giornata è fissato a 70 e le iscrizioni si chiuderanno il 1 maggio .

è necessario iscriversi gratuitamente CLICCANDO QUI le iscrizioni si chiuderanno il 1 maggio

Oltre agli aspetti legali correlati al fenomeno, il corso si pone l’obiettivo di creare una formazione comune fra gli attori istituzionali, servizi sociali, sanitari, educativi e società civile interessata al ruolo di tutore volontario, affinchè si possano affinare strumenti e procedure di presa in carico così come incrementare le capacità territoriali di sviluppare competenze di problem solving e intervento in casi particolari (es. minori vittime di tratta).

creare una formazione comune affinare strumenti e procedure di presa in carico

Di seguito trovate i temi che verranno trattati durante le tre giornate di formazione:

Giovedì 3 maggio Inquadramento normativo – Il fenomeno della tratta Interverranno: Dr.ssa Lara Raffaini – Istruttore Direttivo Esperto in Processi di Integrazione Dr.ssa Marzia Gotti – Operatore Anti-tratta Associazione LULE

Lavoro e non lavoro in un mondo che cambia. Eccome, se cambia!

Feeds:
« Il sostegno all’inclusione attiva nella lotta alla povertà: una primariflessione
Il sacro e il profano: a volte unirli ènecessario »

Un percorso formativo per la figura dell’esperto nell’inserimento lavorativo di soggettisvantaggiati

27 dicembre 2016 di slosrl

Gli autori del post sono Stefano Bertolina, direttore dell’Area formazione professionale di Galdus, Marzia Consoli responsabile del progetto formativo sempre di Galdus e Sergio Bevilacqua presenza abituale di questo blog.

Vista l’attuale situazione del mercato, favorire l’inserimento professionale di persone disabili o in situazione di svantaggio, ma anche dei giovani disoccupati, è un tema complesso con il quale quotidianamente ci confrontiamo.

Galdus ed SLO da tempo sono sensibili al tema e hanno già avviato in passato diverse iniziative congiunte per conseguire risultati concreti in tal senso. Per questo abbiamo considerato l’Avviso Lombardia Plus 2016 pubblicato dalla Regione Lombardia, un’occasione importante per sviluppare questa eccellenza. Il progetto presentato è stato approvato e questo ci ha permesso di realizzare un percorso unico nel suo genere, che non trova corrispondenze sul mercato della formazione, se non in qualche raro master universitario. Galdus, in quanto ente accreditato, ha svolto il ruolo di capofila e gestore delle attività, avvalendosi di diverse expertise, tra le quali emergono per qualità e impegno dedicato quelle fornite dai professionisti di SLO.

Il Bando promuoveva interventi strettamente collegati ad esigenze di inserimento e reinserimento lavorativo rivolti ai giovani, incentrati su formazione specialistica e in grado di coinvolgere i target maggiormente sensibili.

Abbiamo quindi pensato ad un percorso rivolto a giovani disoccupati, provenienti da percorsi di laurea “deboli” in termini di sbocchi sul mercato, proponendo loro una formazione che fosse in grado di aprire delle opportunità professionali come “esperti nell’inserimento lavorativo di fasce deboli”. E’ certamente un mercato di nicchia, quello dei servizi per il lavoro rivolti ad utenza svantaggiata, ma che richiede professionisti esperti, con competenze multidisciplinari che non è semplice trovare nei giovani neo-laureati e che spesso si acquisiscono solo dopo anni di esperienza.

La scommessa iniziale era quella di coinvolgere nel percorso operatori, servizi e aziende per fare in modo che la formazione non fosse mai soltanto teorica, ma continuamente arricchita da testimonianze, casi reali, vissuti ed esperienze di chi svolge quotidianamente il difficile lavoro di mediazione tra le esigenze degli utenti e quelle delle aziende, favorendo al tempo stesso l’incontro domanda offerta e l’inserimento professionale degli allievi in questo settore.

La Buona Cura

stress
Ecco perchè gli “antidepressivi” non faranno niente per il tuo stress, anche se il tuo medico continuerà a prescriveli
robertoboscia stress

Una montagna di persone, come te, prende gli antidepressivi perché si sente stressata, ma ovviamente non ne ha nessun beneficio.

Perché?

Perché le cause dello stress e della depressione sono completamente diverse.

Se punti al bersaglio sbagliato con l’arma sbagliata, è ovvio che non risolvi niente, non credi? Puoi pensare di abbattere un muro con la cerbottana?

Certo che no, è ovvio!

E allora perché insisti a prendere questi maledetti antidepressivi?

La depressione è una cosa seria e va trattata come tale, e non come “stress”.

In questo articolo vorrei spiegarti non solo perché la depressione e lo stress sono due cose molto diverse, ma soprattutto come funzionano gli antidepressivi (e perché la maggior parte delle volte non funzionano)

Ci sono due grosse credenze popolari riguardo alla depressione

Queste due credenze popolari sono dannose a loro volta per altri due motivi

Mi rendo conto che è un po’ contorto.

Provo a semplificare il concetto: le medicine si focalizzano sugli effetti del problema, non sulla causa.

I ricercatori hanno fatto grossi passi in avanti nelle ricerche al punto tale che annullano completamente il “dogma” che lo stress è la principale causa della depressione.

Le ultime ricerche rivelano che non c’è nessun tipo di coincidenza tra i geni che causano la depressione e i geni che causano lo stress.

Ogni anno nel mondo vengono prescritti oltre 200 milioni di confezioni di antidepressivi, intanto negli USA 1 su 20 dichiara di essere depresso, mentre in Italia circa 6 milione di persone assumono antidepressivi.

Di tutti questi, l’80 % dichiara di avere qualche tipo di impedimento fisico, il 25% dice di trovare molto molto difficile eseguire compiti “normali e quotidiano” come il proprio lavoro di ufficio, riordinare casa o andare d’accordo con gli altri, per via di questa condizione

Ma allora perché tante persone si sentono così da schifo, nonostante l’antidepressivo dovrebbe essere proprio la cura per questo tipo di problema?

Ma soprattutto, perché è di così facile acquisto? (

Qui casca l’asino.

La tradizionale risposta alla depressione, cioè l’antidepressivo, non funziona poi meglio di una banale pastiglia di zucchero, anzi alcuni studi hanno dimostrato che la pillola di zucchero funziona MEGLIO degli antidepressivi

(a questo link lo studio a cui mi riferisco: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3736946/ )

Altri studi ancora più completi indicano che il 75% degli effetti degli antidepressivi può essere replicato da un placebo (una pillola di “non medicinale”, solitamente zucchero)

Non sarebbe un problema se gli antidepressivi fossero innocue palline di zucchero, così almeno in modo casuale porterebbero dei benefici alle persone a cui vengono somministrate.

Ma non sono innocue pillole e spesso portano severi effetti collaterali, come: – aumento del rischio diabete – depressione del sistema immunitario – aumento del rischio di suicidio e di comportamenti violenti

La depressione è una malattia seria, quindi prendere una medicina che probabilmente non serve a niente e che anzi, peggiora la tua situazione fino a farti meditare il suicidio, non è una scelta intelligente

Quindi se l’antidepressivo non funziona per la depressione, e tantomeno per lo stress, che si fa?

Eccoti 4 (+1) soluzioni per abbattere il tuo stress, senza antidepressivi inutili

1) ESERCITATI REGOLARMENTE

L’attività fisica regolare è la vera “arma segreta” per battere lo stress.

Funziona così bene che aiuta a normalizzare i livelli di insulina (quindi abbassa anche il rischio di infiammazione e diabete) mentre “pompa” gli ormoni del benessere al tuo cervello!

2) FAI UNA DIETA SANA

Un altro fattore che non puoi ignorare è la tua dieta. Il cibo a un impatto enorme sul tuo umore e sulla capacità di essere tranquillo, resistere alla pressione e affrontare lo stress. Evita zuccheri, cereali e latticini e il tuo cervello lavorerà molto meglio

3) SUPPORTA LE FUNZIONI DEL CERVELLO CON I GRASSI OMEGA 3

Un buon livello di omega 3 dovrebbe essere il minimo indispensabili per chiunque debba sopportare una forte pressione psicologica. Gli studi che confermano i benefici di questo nutrienti per il cervello sono ormai infiniti e vanno avanti da oltre 30 anni.

4) FAI IL PIENO DI SOLE

Hai mai notato come ci si sente bene e di buon umore quando c’è una bella giornata di sole?

Certo che l’hai notato! Bene, questo succede grazie alla vitamina D prodotta dal tuo corpo.

Uno studio ha riscontrato che le persone con bassi livelli di vitamina D erano 11 volte più tendenti alla depressione rispetto a chi aveva invece un buon livello

Quindi da adesso per aiutarti a combattere lo stress, puoi migliorare il tuo livello di vitamina D esponendoti più spesso al sole o usando dei buoni integratori di vitamina D.

5) Continua a seguirmi!

Perché? Come perché? Che c’entro io con lo stress? Nei prossimi giorni farò un webinar dedicato allo stress e all’insonnia, e voglio assolutamente la tua partecipazione.

Oltre alle informazioni che ti regalerò in modo assolutamente gratuito, ci sarà anche una sorpresa per te! Se hai domande riguardanti lo stress, scrivimi a info@buoancura.com e ne discuteremo assieme nel prossimo webinar!

Commenti

commenti

1) Gli eventi stressanti della vita sono causa di depressione

19 luglio 2018
Marco Di Mizio Soluzioni per Avvocato
Marco Di Mizio Soluzioni per Avvocato
Marco Di Mizio Soluzioni per Avvocato
9 giugno 2018
1.657 visite
8 minuti per leggere
Adesso sei qui: Home Page » GDPR Avvocati: Ecco come Kleos può aiutarti
WhatsApp Email

Il GDPR Avvocati ti preoccupa e non sai come fare?

Ormai se ne parla da tempo, ed è normale sia così perché il GDPR Avvocati è entrato ufficialmente a far parte della vita lavorativa di ogni avvocato.

GDPR Avvocati

Non voglio entrare nel merito della questione, piuttosto voglio aiutarti a capire come fare per toglierti definitivamente il problema del “GDPR Avvocati”.

Sicuramente sei sempre stato attento ai dati sensibili dei Tuoi clienti, ma il GDPR ti impone di avere maggiori precauzioni e obblighi sia formali che tecnici.

Precauzioni e obblighi che posso crearti problemi se non sai come fare, ma grazie a Kleos il problema è superato. Devi solo attivare l’abbonamento, dico davvero.

Dico questo perché il software per avvocati in Cloud Kleos è la soluzione più veloce e completa per restare concentrato sul bene del cliente, adempiendo allo stesso tempo al GDPR Avvocati.

Il GDPR Avvocati (lo chiamo così perché parlo di questa professione) è la normativa privacy che nella pratica di tutti i giorni ha portato 2 grosse novità:

Queste novità possono compromettere la salute di un Avvocato, perché obbligano al rispetto di alcune norme che incidono sia sul lato tecnico che su quello formale.

Se dal lato formale (modelli e tenuta dei registri), puoi riuscire da solo a venirne a capo, è il lato tecnico che (mi) preoccupa.

Fino ad ora diversi Studi Legali non hanno voluto affrontare il problema della sicurezza informatica, e oggi sono in difficoltà.

E’ solo colpa Tua se adesso sei in difficoltà, non del GDPR Avvocati, questo è il punto!

Ormai sono anni che il computer è entrato a far parte della Tua vita lavorativa e se non ti sei mai posto il problema di proteggere i dati dei tuoi clienti, mi dispiace ma è solo colpa Tua.

Non voglio certo innervosire qualcuno, ma la verità è questa (è brutta lo so, ma esiste rimedio a tutto questo).

Per troppo tempo si è usato il computer con leggerezza, e adesso è arrivato il momento di cambiare…

Non voglio annoiarti con tecnicismi, piuttosto cercherò di aiutarti a capire come fare per continuare a fare il Tuo lavoro di Avvocato, nel rispetto della normativa privacy.

Programma Sinergia

Programma Sinergia è un punto di riferimento per i proprietari di edifici da ristrutturare. Attraverso un rilievo ed un’analisi strumentale, offre soluzioni edilizie mirate e quantificabili economicamente, per l'isolamento e i problemi di umidità.

Le scelte della redazione

Programma Sinergia

Website: http://programmasinergia.it